Ritrovati in Messico batteri vecchi 50mila anni. Forme di vita intrappolate nei cristalli

Messico batteriROMA – Ritrovati in Messico batteri antichi, forme di vita risalenti ad almeno 50 mila anni fa. Una scoperta sensazionale avvenuta, nelle miniera di Naica, dopo nove anni di duro lavoro da parte dell’Istituto di Astrobiologia della NASA.

Messico batteri vecchi 50mila anni, la scoperta

Intrappolati in enormi cristalli. È qui che i ricercatori dell’Istituto di Astrobiologia della NASA hanno ritrovato le tracce di vita batterica. Un lavoro durato ben nove anni e illustrato nel corso del convegno dell’American Association for the Advancement of Science. A illustrare l’incredibile scoperta il capo della spedizione Penelope Boston. Quelli rinvenuti, ha spiegato Boston, sono batteri che vivono e si moltiplicano su elementi come il ferro, lo zolfo e altre sostanze chimiche. La loro particolarità è quella di poter vivere e sopravvivere anche in condizioni estreme.

Messico batteri super resistenti

Le grotte delle miniera di Naica sono luoghi terribili e invivibili. Poste a 800 metri di profondità, le miniere presentano temperature altissime. Condizioni talmente estreme da costringere i ricercatori a operare con tutte spaziali refrigerate. Il DNA dei batteri rinvenuti a Naica differisce di almeno il 10% rispetto a forme di vita simili rinvenute in superficie. Questo, stando ai ricercatori, dimostra che simili forme di vita batterica possono sopravvivere per lunghissimo tempo e in condizioni estremamente difficili.