Opere d’arte, migliora la ricerca su Google

ROMA – 500 milioni. Tante sono le ricerche sull’arte che vengono fatte ogni mese su Google. Per questo, il team di Big G ha deciso di migliorare la ricerca mettendo a disposizione degli utenti risultati più pertinenti e la possibilità di approfondire gli argomenti. A ciò si aggiunge una nuova funzionalità di Street View: ad ogni visita virtuale in un museo, l’applicazione fornirà le nozioni fondamentali sulle opere d’arte che si hanno davanti.

Sistemi di ricerca migliorati

“Il team di Google Arts & Culture ha collaborato con gli ingegneri della Ricerca Google. Insieme hanno migliorato il modo in cui i nostri sistemi comprendono e riconoscono le opere d’arte – scrive – i luoghi in cui vederle di persona, gli artisti che le hanno realizzate, i materiali utilizzati, il periodo a cui appartengono e i collegamenti tra tutto questo. Ora, quando cercate un artista come Gustav Klimt, vedrete un Riquadro informazioni interattivo che metterà in luce nuovi modi per saperne di più, come visualizzare una collezione di opere dell’artista o addirittura scorrere i musei dove i suoi dipinti sono esposti. E, per alcune opere, è possibile ammirare le immagini in alta risoluzione di Google Arts & Culture”.

Il software di riconoscimento visivo

Su Google Maps accanto ad ogni opera, verranno inserite note interessanti sui muri, cliccandoci sopra apparirà una nuova pagina con altre informazioni fornite da centinaia dei musei più importanti al mondo e si potranno ingrandire le immagini in alta risoluzione. Per sviluppare questa funzionalità il team di Google ha utilizzato il software di riconoscimento visivo. Questo ha scansionato i muri dei musei di tutto il mondo, identificando e categorizzando più di 15.000 opere d’arte.

Searching for art just got better. Where will you start?

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it