esperti

Tutti in classe mi rispettano, non mi prendono e prenderebbero mai e poi mai in giro…

Salve,
frequento una quarta di un istituto tecnico. Da una settimana è iniziata la scuola, tutti in classe mi rispettano, non mi dicono niente, non mi prendono e prenderebbero mai e poi mai in giro. Accanto ho un ragazzo di due anni più grande, lo conosco già da tempo perché abita nel mio paese. E’ un bravo ragazzo, con lui scherzo con gli altri ragazzi, ridiamo e parliamo frequentemente. A volte però mi dice qualche battuta, ma neanche offensiva, così per scherzare, proprio una banalità detto in parole povere. Ad esempio mi dice per scherzo " Fai meno il bullo eh! " oppure fa " Ehi .. dicendo il mio cognome ", mi chiama sottovoce o fa il bambino di due anni, ma non dovrei prendermela per queste sciocchezze, in fondo tutti si è sempre scherzato. Il problema è che ogni volta che mi dice così io me la prendo, ci rimango male, come se vorrei smettere di venire a scuola, eppure è una sciocchezza! Dopodiché rimango anche a pensarci anche il pomeriggio che potrebbe fare così di nuovo, ma ci penso tutto il giorno!! Perché mi accade questo? Da cosa deriva tutta questa problematica? Potrà passarmi tutto questo? Eppure in classe ho ragazzi che vengono presi in giro e toccati tutti i giorni e non se la prendono e io me la prendo per una cavolata! Perché ho questo carattere? Aiutatemi per favore, ci sono momenti in cui vorrei sparire. Premetto che sono un tipo ansioso, a volte insicuro e pauroso. Grazie mille per aver letto!
,

Caro Luca,
la personalità di ognuno non ha un assetto statico ma è sempre multidimensionale, nell’antichità il termine persona indicava in origine la maschera utilizzata dagli attori teatrali, che serviva a dare all’attore le sembianze del personaggio che interpretava.
Quindi ogni persona ha più maschere da indossare in base al contesto in cui si trova, che non necessariamente corrispondono al vero sé.
Forse tu a scuola hai indossato la maschera del bulletto, di quello che non deve chiedere mai, invincibile, rispettato, popolare, che nasconde ma non elimina le tue fragilità.
Quando ci si sente toccati nell’intimo come è accaduto a te significa che i tuoi punti deboli sono stati solleticati e che, in qualche modo, ti sei sentito “smascherato”.
L’insicurezza, l’ansia e le paure sono le tue zone d’ombra, quelle che proteggi fortemente dagli attacchi esterni, perché se gli altri sapessero tu ti sentiresti vulnerabile.
E’ già molto che tu le conosca così bene, ma forse è arrivato il momento di affrontarle e di lavorarci, rinforzando la tua autostima in modo più autentico.
Cos’è che ti fa così paura?
Un buon inizio potrebbe essere quello di rivolgersi allo sportello d’ascolto della tua scuola, se presente, in modo da approfondire  questi aspetti della tua personalità.
Prova a rifletterci e, se ti va, facci sapere.
Un caro saluto!,Luca, 16 anni,29-09-2014,Disagio emotivo e/o psicologico,ansia