esperti

Quest’anno per me è stato un po’ drammatico. Ci sono state molte perdite familiari, tra cui le mie nonne…

Buonasera,
sono un ragazzo di quindici anni e volevo parlare di un sogno. Premetto che quest’anno per me è stato un po’ drammatico. Ci sono state molte perdite familiari, tra cui le mie nonne (i miei nonni non li ho mai conosciuti poichè morti giovani), a distanza di 5 mesi. La prima nonna, morta il 3 aprile 2009, aveva 73 anni, curava molto il suo aspetto e si teneva sotto controllo, ma dovendosi operare alla vena aorta, storta dalla nascita, decede non a causa dell’intervento malriuscito, ma a causa di un virus in sala intensiva, che attaccava sopratutto le persone appena operate al cuore, causando complicazioni renali e polmonari. Sicuramente lei non se ne sarebbe voluta andare, ma il fato ha deciso così. Sono molto triste per questo, anche perchè non ho avuto la possibilità, se non telefonicamente, di salutarla prima del decesso. L’ho sognata dopo la sua morte per quattro o cinque giorni consecutivi, ma ormai sono otto mesi che non mi viene più in sogno. Una settimana di agonia, per le due nonne, la prima con battito cardiaco scarso, la seconda con febbre alta. La seconda nonna, era più anziana, aveva 82 anni ed era affetta ormai da anni, da Parkinson. L’ho sognata due o tre giorni prima che morisse, che mi diceva che lei stava bene e non mi sarei dovuto preoccupare, io piangendo le imploravo di restare, e lei quasi con aria promettente, faceva segno positivo col capo. Eravamo quasi preparati alla sua perdita, ma mai pensavamo che sarebbe accaduto tutto in quest’anno. Durante l’ultima settimana poi, ci siamo accorti che piano piano ci stava lasciando, e che sicuramente se ne sarebbe andata, poichè chiamava la madre e il marito (defunti) pochi giorni prima della settimana agonica. Dopo la sua scomparsa io non l’ho più avuta in sogno. Nè l’una nè l’altra. Tranne ieri notte, in cui ricordo la seconda nonna, che accompagnata dalla sua badante, passeggiava lungo la strada che costeggia la mia scuola. (Anche se lei in realtà, da ormai due anni, non usciva più di casa, non perchè costretta, ma penso più per una questione di stanchezza). Non ricordo come era vestita, ma ricordo un passo più lento del suo solito e mi dava le spalle. Quando si è girata, l’ho vista un po’ come quando è stata chiusa nel suo feretro, gli occhi un po’ infossati, viso pallido con le labbra violacee. Poi non so come la ritrovo sotto casa sua che scende dall’auto di mia madre, urlando o quasi piangendo di fare o non fare una cosa, che ora non ricordo precisamente. Mi sembra che era contraria ad un viaggio forse, (lei per un certo periodo di tempo ha abitato in Molise, luogo da lei tanto amato) e mi sembra che dovevamo andare proprio lì. Mi è sembrata un po’ triste ed è la prima volta che mi viene in sonno, mentre mia madre ed altri familiari la sognano spesso e sorridente, al contrario della Nonna settantatreenne. Come devo interpretare questo sogno? Io le sono sempre stato accanto durante gli ultimi 4 anni della sua vita, un po’ perchè ero maturato, un po’ perchè lei si era ritrasferita nella mia città natale e quindi le sono potuto stare più vicino. Ascoltava spesso i miei consigli, ed io i suoi, adoravo sentirla parlare, anche se ogni tanto la vecchiaia le faceva perdere qualche colpo, facendole ripetere la stessa cosa, o facendole dire una cosa per un’altra. Perchè dopo tanto bene, vuole mostrarsi triste ai miei occhi? Spero in una vostra risposta.
Cordiali saluti,

Caro Anonimo,
ci dispiace per tutte le emozioni tristi provate quest’anno; sono eventi importanti, traumatici e fanno male, anche se il più delle volte aiutano a crescere (nonostante questo però ci rendiamo conto che hai dovuto vivere queste separazioni in tempi molto precoci, e non è sicuramente facile per te). E proprio di questo pensiamo che tratti il tuo sogno, di una fase importante della tua crescita. Come diciamo sempre, non è possibile dare l’interpretazione di un sogno se non all’interno di una conoscenza diretta della persona e della propria storia e nell’ambito di un percorso di terapia. Tuttavia possiamo provare a darti alcuni spunti di riflessione. Questo sogno sembra molto legato ad aspetti che hanno a che vedere con le origini ed il passato, in genere i nonni rappresentano il collegamento con la nostra storia personale e dell’intera famiglia; tu stesso parli di luoghi di origine. Possiamo presumere che in questa delicata fase della tua crescita (i 15 anni sono molto importanti) tu ti ritrovi a vivere una particolare oscillazione tra la parte ancora molto legata alle figure parentali di riferimento, e una parte che lentamente se ne distacca perchè pronta a rivolgersi al futuro e a ciò che si prospetta sulla tua strada. La tristezza è data dalla separazione e dal distacco, ma esiste altresì una grande spinta verso una progressione. La nonna che conserva i tratti del momento della sua dipartita, che passa vicino alla tua scuola (che rappresenta il tuo presente e il tuo futuro) dandoti le spalle, sembrano tutti elementi che sono sì dolenti, ma che si rivolgono ad un corso progressivo e ineluttabile degli eventi…
Speriamo (e in parte ne siamo certi) che dopo la sofferenza di questi momenti, si presenti per te un periodo di novità e di cambiamento positivo.
Nel frattempo rimaniamo a tua disposizione per qualsiasi approfondimento o curiosità.
Un caro saluto!,Anonimo, 15 anni,15-12-2009,Sogni-Il mondo interiore