esperti

Sono la mamma di una bambina che da sempre presenta difficoltà a parlare in presenza di altre persone…

Sono la mamma di una bambina di 5 anni che da sempre presenta difficoltà a parlare in presenza di altre persone (con esclusione di alcuni coetanei e di una strettissima cerchia di parenti).
A volte sembra proprio paralizzata di fronte ad alcune situazioni e, anche se fortemente motivata ad ottenere qualcosa, finisce per rinunciarvi se ciò implica esprimersi ad alta volte di fronte a terze persone.
Vedo che vorrebbe tanto farlo, ma proprio non ci riesce e questo sicuramente non la rende felice. Inoltre in altre situazioni, soprattutto nuove, è fortemente bloccata nonostante i miei incoraggiamenti (parlo ad es. dell’andare in bicicletta, dell’imparare un nuovo gioco, etc.)
Nessuno, neppure l’ambiente scolastico, mi ha mai parlato di un problema o del mutismo selettivo: la mia conclusione, cioè che mia figlia presenti proprio questo disturbo, è del tutto personale.
Le insegnanti hanno sempre descritto la situazione come risolvibile con il tempo e dove è controproducente cercare delle forzature.
Riconosco che qualche piccolissimo progresso è venuto solo quando Siria, la mia bambina, si sente completamente a suo agio e nessuno si aspetti che lei parli, ma non sempre questa situazione è "creabile artificialmente" e le prove per una bambina in crescita sono sempre più difficili tenuto conto anche che fra 1 anno inizierà per lei
l’esperienza ben più impegnativa della scuola elementare. Ho paura che i problemi con il tempo, anzicchè diminuire, aumentino e vorrei trovare una strada per aiutare mia figlia. Un anno fa ho intrapreso un percorso con una psicoterapeuta, mediatrice familiare, consigliatami
dalla mia pediatra: l’esperienza non mi ha soddisfatta e ho deciso di interrompere le sedute.
Ora vorrei capire quale percorso sia più giusto visto che la scuola non mi sta supportando molto.
Desiderei mettermi in contatto con qualche specialista in mutismo selettivo per avere un parere da un esperto. Chiedo un vostro parere a riguardo ed eventualmente qualche contatto in zona (il mio paese è Mirano,
provincia di Venezia), ma anche qualsiasi informazione utile per poter aiutare mia figlia.
Grazie.
Paola ,

Cara Paola,
comprendiamo la sua preoccupazione nei confronti di sua figlia e la ringraziamo per la precisa e attenta
descrizione che ci ha riferito rispetto alle sue difficoltà.
Da quanto ci ha riportato potrebbe essere che Siria abbia una forte inibizione che non le permetta di affrontare con tranquillità e spontaneità alcune situazioni di vita quotidiana, oppure che esprima un disagio che la porti a "chiudersi" e quindi a non esporsi in situazioni che non ha precedentemente sperimentato. Naturalmente le nostre potrebbero essere solo ipotesi. Quello che potrebbe portare più chiarezza sulla condizione di Siria sarebbe una valutazione psicologica fatta da un esperto.
In tal caso le consigliamo di rivolgersi alla ASL di appartenenza, dove è presente un Servizio Materno Infantile con psicologi che si occupano di bambini e adolescenti e che, in seguito alla formulazione di una diagnosi, potrebbe indicarvi la terapia da seguire.
Questi sono i recapiti dei Servizi che a noi risultano esserci nella vostra zona:

CONSULTORIO. PEDIATRICO-FAMILIARE
VIA MIRANESE, 18
MIRANO
tel 041 5795693

SERV. NEUROPS. INFANTILE
VIA MIRANESE, 18
MIRANO
tel 041 5795625

La salutiamo, ma rimaniamo a disposizione per qualsiasi altra richiesta.

,Paola,30-03-2009,Disagio emotivo e/o psicologico,mutismo elettivo