dg - tube

DGTube: le favole vere che hanno ispirato i classici Disney

Con l’uscita cinematografica del film “La Bella e la Bestia”, la Disney si conferma come la più grande fabbrica di fantasia.
Un’arte che nutre da quasi un secolo i bambini di ieri e di oggi, intessendo di magia favole e leggende popolari.
In realtà, le storie che hanno ispirato la Disney sono ben diverse dai grandi classici che conosciamo.

Scopriamo insieme le differenze tra le favole Disney e le vere storie da cui sono tratte!

BIANCANEVE

– Disney
Chi non conosce la bellissima favola di Biancaneve e i sette nani?
Nella versione Disney, la protagonista cade vittima di un sortilegio dopo il morso di una mela avvelenata.
Sarà il bacio del princie azzurro a risvegliarla e a sancire il bel lieto fine che tutti conosciamo.
Fratelli Grimm
Nella storia scritta dai Fratelli Grimm, Biancaneve si risveglia dall’incantesimo quando il pezzo di mela avvelenato le cade dalla gola.
In seguito si innamora di un principe e lo sposa.
Al matrimonio, la Regina viene costretta ad indossare scarpe di ferro rovente e a ballare fino a quando non muore.

PINOCCHIO
– Disney
Nella favola che tutti conosciamo Pinocchio è un burattino di legno che prende vita grazie alla Fata Turchina e che aspira a diventare un bambino vero.
Durante le sue avventure, accompagnato dal grillo parlante (la sua coscenza), incontrerà vari cattivi come Mangiafuoco, il Gatto e la Volpe che lo portano ad andare nel Paese dei Balocchi.
Quando si renderà conto dei suoi sbagli, si ricongiungerà al Babbo Geppetto con il quale riuscirà a scappare dallo stomaco della Balena.
Tutto si concluderà con l’avverarsi del desiderio del burattino, con conseguente lieto fine.
– Collodi
Nella storia narrata da Collodi, invece, Geppetto era un mascalzone e Pinocchio un bugiardo cronico.
Il Gatto e la Volpe, abili truffatori e assassini, cercano di impiccare il burattino, ma non ci riescono perché fatto di legno.
La parte più sconvolgente del romanzo è quella in cui Pinocchio va a chiedere disperatamente aiuto in una casa, ma trova una bambina che si affaccia e gli spiega che sono tutti morti e che anche lei sta attendendo la bara che la porterà via.

LA BELLA E LA BESTIA
– Disney
Nel cartone tanto amato targato Disney, vediamo come la dolce Belle, lasciata in disparte dai compaesani perché amante dei libri, si ritroverà a vivere una vera avventura: il padre viene rapito da una Bestia e lei si offrirà di prendere il suo posto cosicchè possa fare ritorno a casa.
Tutti sappiamo che Belle riesce a far innamorare di sé la Bestia e viceversa, tanto che alla fine della storia i due avranno un lieto fine tutto per loro.
– La leggenda italiana
La vera storia, però, sembra ispirarsi a delle persone realmente esistenti, il tutto ambientato sul lago di Bolsena, provincia di Viterbo.
Si dice che, durante il sedicesimo secolo nel paesino di Capodimonte, vivesse una coppia composta da una bella donna e un uomo chiamato da tutti “bestia”.
La bestia, in realtà, era tale Pedro Gonzales, affetto da una malattia estremamente rara che comporta la crescita abnorme di peli sull’intero corpo, faccia compresa: da qui la definizione di “bestia”.
Il pover uomo fu costretto a sposare, su ordine di Caterina de’ Medici, una donna con cui ebbe due figli: la regina voleva creare una stirpe di “bestie”, ma restò delusa quando scoprì che i due pargoli erano privi di peli.