spettacolo

Ed Sheeran alle prese con un’accusa di plagio per “Photograph”

ROMA – Ed Sheeran accusato di plagio per “Photograph”. Il cantautore britannico è finito sotto l’occhio del ciclone per 39 note che ricordano in tutto e per tutto “Amazing”, Matt Cardle, vincitore di Xfactor Uk nel 2010. A citare in giudizio in cantante dai capelli rossi sono stati gli autori del brano “copiato”, Martin Harrington e Thomas Leonard, che lo hanno scritto nel 2009, ben sei anni prima dell’uscita del singolo campione di incassi di Sheeran. Per la star si prospetta una lunga lotta che, se dovesse andare male, gli farebbe sborsare un risarcimento di 20 milioni di dollari, oltre ai diritti d’autore.

La similarità, secondo i due autori, sarebbe rintracciabile nel ritornello di “Photograph”, la cui struttura combacia con quella di “Amazing”. Le 39 note sotto accusa, infatti, sarebbero uguali per tono, durata ritmica e misura. Le somiglianze, hanno sottolineato Harrington e Leonard, sarebbero anche nel testo, nello stile vocale e nel ritmo. Somiglianze che salterebbero alle orecchie anche dei non esperti. Insomma, i creatori di “Amazing” non sembrano voler cedere facilmente tant’è che hanno scelto a capo della loro difesa Richard Busch, avvocato vincitore della causa milionaria per plagio che ha visto protagonista “Blurred Lines” di Robin Ticke e Pharrell Williams e “Got To Give It Up” di Marvin Gaye.

A dimostrazione del “reato” ci sarebbero anche alcune prove concrete: documenti, in forma di spartiti musicali, pubblicati in esclusiva dal sito della Bbc e che arrivano direttamente dal Tribunale di Los Angeles (California) che sta esaminando il caso. In evidenza le note incriminate.

ed sheeran testi

“Photograph” – quinto singolo dell’album “X” – ha venduto, dalla sua pubblicazione, più di dieci milioni di copie in giro per il mondo. Una canzone che è talmente cara a Sheeran, che l’ha composta, tanto che è ritenuta dal cantante stesso come la canzone che lo rappresenta di più. Al momento, né Ed Sheeran né Matt Cardle si sono pronunciati in merito alla contesa.