spettacolo

LET’S DUO! La rassegna tra jazz e swing al Campo Boario

Stazione di Posta, lo spazio che ospita la rassegna

Stazione di Posta, lo spazio che ospita la rassegna

Roma – A fine luglio la capitale ha visto spegnere i riflettori di molte tra le più importanti manifestazioni musicali in programma per l’Estate Romana. Nei primi giorni di agosto Roma inizia lentamente a svuotarsi, ma in città c’è ancora qualcosa da fare. Ha inaugurato, in controtendenza con i palinsesti in chiusura, LET’S DUO, rassegna di 10 concerti per duo che vede protagoniste le migliori formazioni jazz/swing della capitale con la direzione artistica di Piji Siciliani.

Piji Siciliani

Piji Siciliani

Appuntamento fisso, tutti i giovedì nel suggestivo dehor sotto le stelle del ristorante “Stazione di Posta” di Testaccio e per l’esattezza a Campo Boario (Ex-Mattatoio). Dalle 21:30 tra i “passaggi” dello Chef Luigi Nastri e le miscele firmate Co.So., si potranno ascoltare straordinari musicisti duettare fino a mezzanotte inoltrata. “Let’s do it”, “facciamolo!”, o per meglio dire “LET’S DUO”! Suoni di jazz, divertimento e raffinatezza, per godere di uno spazio magico come quello di Campo Boario, quest’anno privo del Festival Eutropia. La rassegna, inaugurata una settimana fa, ospita stasera, 4 agosto, Valeria Rinaldi e si prosegue l’11 agosto con l’Henzapoppin-Cortese duo, duo tra i più amati della scena swing romana; la struggente vocalità del trombettista/cantante Davide Richichi in duo con la proverbiale chitarra swing di Gino Cardamone sarà di scena il 18 agosto per il progetto Two Blind Mice, mentre il 25 è la volta della funambolica cornetta di Gianluca Galvani con il pianoforte fantasioso di Andrea Pagani. Il mese di settembre si apre con il virtuosistico ed interessantissimo duo della Cordisco Family (1 settembre), per poi passare a sonorità più moderne con il contrabbasso intenso di Dario Germani e la splendida voce di Valeria Restaino (8 settembre). Il 15 settembre c’è l’elegante chitarra di Augusto Creni, tra i protagonisti assoluti in Italia del linguaggio jazz-manouche, in coppia con Leonardo Spinedi e il 22 ancora una presenza importante come Luca Velotti, conosciuto dal grande pubblico come sassofonista nelle orchestre di Paolo Conte e Nicola Piovani, in duo con Michele Ariodante e la sua personalissima chitarra a 7 corde. Chiude la rassegna una delle voci più quotate del jazz italiano di oggi: Eleonora Bianchini, che insieme alla chitarrista Giulia Salsone porterà a Stazione di Posta il progetto di bossanova brasiliana intitolato Entre Cuerdas.

STAZIONE DI POSTA
Largo Dino Frisullo, Roma (zona Macro Testaccio)
Telefono: +39 06 57 43 548 Mail: [email protected] – www.stazionediposta.eu
PARCHEGGIO GRATUITO
gps: 41.874894 – 12.473433