spettacolo

Lotta alla parità di genere, Bono Vox nella lista donne dell’anno di Glamour

bono vox nella lista donne dell'annoROMA – Bono Vox nella lista donne dell’anno di Glamour. Non è uno scherzo e neanche un errore di stampa. Il frontman degli U2 è riuscito a conquistarsi un posto nel celebre riconoscimento del magazine grazie al suo impegno per la parità di genere.

E, in particolare, è la sua campagna “Poverty Is Sexist” – che ha al centro la povertà e la conseguente disparità salariale legata al genere – ad aver conquistato Glamour.

Bono si è impegnato a inviare i dati scoperti a ogni Presidente e Primo Ministro nel mondo. Un report che ha motivato i leader internazionali a donare 13 milioni di dollari al fondo globale per combattere l’AIDS, la tubercolosi e la malaria. Soldi spesi per salvare le donne e le bambine che vivono con poco più di 2 dollari al giorno. Così, gli uomini e, in particolare, quelli “potenti” possono contribuire ad combattere il problema.

Un riconoscimento che fa diventare il cantautore il primo uomo citato in questa classifica e quindi il primo “Man of the year” della rivista.

Bono Vox nella lista donne dell’anno di Glamour. “Le donne hanno bisogno di uomini nella loro tribù”

“Per anni il comitato del premio, composto dalle ex vincitrici e dal nostro consiglio di amministrazione – si legge nell’editoriale di Cindi Leive – ha scartato l’ipotesi di nominare un uomo dell’anno. Un po’ perché non è che gli uomini li meritino e un po’ perché qui a Glamour siamo abituati a occuparci delle donne. Ma di questi tempi tante donne vogliono – no, hanno bisogno – di avere uomini nella loro tribù…”. Ed è proprio questo quello che Bono cerca di trasmettere con il suo impegno: “La battaglia per la parità dei generi non può essere vinta senza la presenza degli uomini al fianco delle donne”.

In una intervista rilasciata all’agenzia AP, la direttrice della rivista Cindi Leive ha, poi, aggiunto che “esistono molti uomini che stanno facendo cose meravigliose per le donne, e Bono è uno di questi”. Per questo merita di essere inserito, anche se prassi insolita, in una lista di sole donne.

Bono Vox nella lista delle donne dell’anno: le “colleghe” in lista

bono vox nella lista donne dell'anno

Bono a parte, nella lista Glamour ha inserito:

  1. Simone Biles,
  2. Ashley Graham,
  3. Christine Lagarde,
  4. Nadia Murad,
  5. Gwen Stefani,
  6. Miuccia Prada,
  7. Zendayae,
  8. Alicia Garza, Opal Tometi, and Patrisse Cullors, fondatrici del movimento #BlackLivesMatter,
  9. Emily Doe

Per la prima volta in 27 anni, i premi verranno ufficializzati a Los Angeles – e non a New York come avviene di consueto – il prossimo 14 novembre.