A Seattle la grande mostra dedicata ai Pearl Jam

A Seattle la grande mostra dedicata ai Pearl Jam

Collezioni private dei componenti del gruppo, strumenti, foto, oggetti di palco e scenografia al MoPOP fino al 2019 inoltrato

Roma – Sono giorni di rientro e il pensiero che tra non molto tutto tornerà come prima è per molti faticoso e straziante; eppure sognare il prossimo viaggio è a costo zero e aiuta cuore e testa a restare lontano, almeno per un po’.
Noi ci proviamo a riportarvi in vacanza e, ovviamente, giochiamo al rialzo: aprite la mappa e mettete un puntino su Seattle, città magica che ha segnato indelebilmente la storia della musica. È proprio qui, sulla costa occidentale degli Stati Uniti, che è nato il grunge, un vero e proprio movimento che tra la fine degli anni ottanta e l’inizio dei novanta ha visto nascere musicisti e band memorabili: dai Nirvana ai Soundgarden, dagli Alice in Chains fino ai Pearl Jam. E infatti il pretesto per fare un viaggio indimenticabile ce lo regalano proprio i Pearl Jam, protagonisti assoluti di una grande mostra, la prima su di loro, che dall’11 agosto ha aperto i battenti al Museum of Pop Culture.
Pearl Jam: Home & Away, curata da Jacob McCurry, è «Uno sguardo intimo sul viaggio della band dagli anni ’90 fino ad oggi». Un viaggio che celebra i 28 anni del gruppo, dal 1990 ai nostri giorni, con documenti inediti, poster originali, foto, strumenti musicali, attrezzatura e setlist dei concerti che hanno fatto la storia della band capitanata da Eddie Vedder.

Pearl Jam: Home & Away è organizzata dal MoPOP in collaborazione con la band e il Ten Club e raccoglie oltre 200 cimeli provenienti dalle collezioni private dei musicisti: un vero e proprio “must” per i fan della band. Andarli a trovare a casa loro sarà un’esperienza unica, avete tempo fino al 2019 inoltrato per organizzarvi per bene.